Il tè verde: proprietà e benefici

Il tè, la bevanda più bevuta al mondo dopo l’acqua, si ottiene da foglie giovani, cime e germogli della Camellia sinensis, un arbusto ampio con foglie sempreverdi, che può raggiungere i 10-15 m di altezza nel selvatico. La pianta, originata in Cina e lì coltivata e selezionata, non si trova praticamente più selvatica e viene coltivata come pianta da tè in molte regioni del mondo.

A differenza delle foglie di tè nero, che vengono fermentate e di quelle di Oolong, che vengono parzialmente fermentate, le foglie di tè verde (Lu Cha), subito dopo la raccolta, vengono stabilizzate (con un breve passaggio a vapore) per inattivare gli enzimi necessari per ossidare i polifenoli, ed essiccate immediatamente, per venire poi arrotolate.

Il tè verde è quello che ha stimolato di più la curiosità dei ricercatori, a causa della grande presenza di molecole importanti per l’attività antinfiammatoria e antiossidante. Le due classi di composti più importanti per l’azione sono i polifenoli (8-12% – catechine, epigallocatechina gallato – EGCG) e la caffeina (2-4%).

In effetti sappiamo che gli estratti di tè verde hanno molte e interessanti proprietà che si esplicano quando viene bevuto come tisana o assunto come supplemento, a partire dall’azione diuretica e depurativa ma da qualche anno sappiamo che il tè verde è efficace anche se applicato alla cute.

Gli estratti usati sulla pelle hanno infatti attività antiossidante e soprattutto antilipoperossidante, cioè riducono il rischio che i lipidi della pelle si ossidino e si rovinino. Questo succede soprattutto dopo l’esposizione ai raggi solari, e non sorprende quindi che l’estratto abbia anche una piccola funzione di filtro solare, ma soprattutto che possa ridurre l’infiammazione causata dall’esposizione al sole, proteggendo la cute dalle infiammazioni e dall’abbassamento delle difese immunitarie causate dall’esposizione ai raggi UVB.  Ha mostrato anche un’attività fotoprotettiva e se applicato prima dell’esposizione ai raggi UV riduce la severità dell’eritema, dell’infiammazione e il rischio tumorigenesi.

I polifenoli e i tannini hanno anche una moderata attività batteriostatica che può essere utile in caso di acne.

Possiamo quindi dire che è possibile usare l’estratto di tè verde come leggero filtro solare e come trattamento antiedematoso, antinfiammatorio, antiossidante per prevenire il fotoinvecchiamento e per la cura dell’acne.

L'esperto

Marco Valussi

Ha studiato oli essenziali e aromaterapia a Londra e si è laureato in Fitoterapia presso la Middlesex University. Dal 1996 ha scritto più di 100 articoli d’informazione tecnico-scientifica su piante medicinali, oli essenziali, fitoterapia ed etnobotanica (“European Journal of Herbal Medicine”, “International journal of food sciences and nutrition”, “Nutrafoods”, “International Journal of Clinical Aromatherapy”, “International…

Log in with your credentials

Forgot your details?